Tracciabilità dei capi

Parola d’ordine: tracciabilità. Dopo quattro anni di sperimentazione, nel 2013 la Sterne International ha brevettato un innovativo sistema digitale che permette al cliente di accedere a tutte le fasi di realizzazione dei capi a marchio Lorena Antoniazzi, dalla filatura alla tessitura fino ai singoli trattamenti cui ciascun elemento della collezione viene sottoposto.

IL SISTEMA

Il sistema è frutto del lavoro di un team di giovani ricercatori – guidato da Andrea e Nicola Mirabassi – che hanno lavorato, dal 2009 ad oggi, fianco a fianco con la Sterne International per sviluppare un sistema inedito ed efficiente.

TRACCIABILITÀ


Complice il microchip inserito nell’etichetta dei capi a marchio Lorena Antoniazzi, tutti i movimenti che interessano ogni singolo prodotto, dentro e fuori dallo stabilimento perugino della Sterne International, vengono monitorati con estrema precisione. Ognuna delle procedure alle quali il pezzo è stato sottoposto – dalla prima produzione al controllo qualità, dal finissaggio al lavaggio e, infine, alla stiratura – vengono registrate digitalmente all’ingresso e all’uscita delle strutture.

L’elenco di queste fasi, a cui il cliente può avere accesso in ogni momento e in modo molto semplice, è fondamentale per creare una vera e propria “storia” del capo stesso. Una storia che rispecchia i valori chiave del marchio Lorena Antoniazzi: dalla cura profonda con la quale ogni pezzo della collezione viene prodotto alla volontà di mantenere un controllo diretto sulla filiera.

Il percorso è documentato con estrema precisione, con tanto di date, luoghi di produzione, provenienza del filato  e spostamenti da uno stabilimento all’altro. Lo scopo è quello di offrire a chi compra i prodotti dell’azienda perugina il più alto livello possibile di trasparenza, ma anche quello di garantire che il capo acquistato sia realizzato interamente in Italia e, più precisamente in Umbria.

Il brevetto rappresenta uno strumento per aumentare il livello di fiducia tra produttore e consumatore. Quest’ultimo, infatti, può accedere alla storia del capo che ha acquistato in modo molto semplice: basta digitare il codice a barre – o fotografare con il proprio smartphone il QR code presente sull’etichetta – sul sito Lorena Antoniazzi per visualizzare tutte le informazioni sul processo produttivo di cui quel particolare elemento è stato protagonista.

A rendere possibile tutto questo è la tecnologia Rfid, inserita nell’etichetta tramite un microchip.

E che oggi sono concentrati sulle nuove tecnologie e su come queste ultime potranno rendere ancora più immediato il processo di tracciabilità del capo che risulta essere sempre più importante, specialmente sui mercati stranieri che rappresentano per la Sterne International quasi il 90 % del fatturato.

Attestare che tutte le fasi di realizzazione di un capo siano state realizzate in Italia dall’azienda stessa o da façonisti di fiducia non solo è un modo per garantire qualità e cura del dettaglio nella produzione del capo stesso, ma anche per combattere la contraffazione, un fenomeno sempre più diffuso.

A questo proposito, le collezioni Lorena Antoniazzi vantano una doppia certificazione: l’azienda ha infatti aderito all’etichetta tessile promossa da ITF-ItalianTextile Fashion.

COME RIPRODURRE LA TRACCIA DI CAPO CON UNO SMARTPHONE

01. Recupera l’etichetta di un capo Lorena Antoniazzi

02. Visualizza con il lettore Qr del tuo smartphone il codice sul retro dell’etichetta

03. Scoprirai la traccia produttiva del tuo capo

Come riprodurre la traccia di un capo via web
Recupera il cartellino del tuo capo Lorena Antoniazzi e clicca sul link sottostante
www.lorenaantoniazzi.it/shop/traccia-codice